Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

DEFINIZIONE:
L'Api-colf (Associazione professionale Italiana dei Collaboratori Familiari e degli assistenti Domiciliari e dei Servizi Tutelari), è un'associazione libera: non fa politica di partito, si impegna nella qualificazione e nella formazione professionale della categoria, nell'assistenza, cerca di essere presente nei momenti decisionali che riguardano la professione. È un'associazione democratica (i dirigenti sono eletti dai soci con congressi provinciali e nazionali che si celebrano ogni 4 anni), alleata della vita (che difende sempre), della salute (con l'assistenza e la prevenzione), dell'età (porta speranza, conforto, dà vita agli anni), della pace (favorisce l'incontro e il dialogo con tutti), della famiglia.
Non è facile racchiudere in poche righe la storia e la responsabilità di una scelta operata in momenti difficili quali quelli del post-sessantotto che implicava una resistenza dei gruppi costituitisi in varie città, con tutte le difficoltà del caso, dato che la categoria era completamente assente dalla vita sociale, politica, sindacale. Una categoria, questa, che ha sempre avuto il vento in faccia, per la quale non conceniva a molti smuovere sistemi e tradizioni. Era cosa ardua la presa di coscienza, l'apertura verso la parificazione con gli altri lavoratori, privi di mezzi e privi di sedi come eravamo. La sola garanzia risiedeva nel gruppo di quadri dirigenti appartenenti alla categoria che aveva nutrito un buon grado di sensibilizzazione attraverso la formazione sociale. Quegli anni, visti e letti a distanza, sono considerati gli anni più difficili in cui effettuare scelte non in sintonia con ciò che faceva 'tendenza', poteva significare per molti una svolta 'autolesionista' contraria alla promozione contraria alla promozione auspicata. Per la carica ideale che si era diffusa, per lo spirito che animava le dirigenti della futura Associazione professionale, la decisione di fondare l'Api-Colf nel 1971, fu davvero importante. A conferma di questo arrivò anche il riconoscimento della C.E.I. (Conferenza Episcopale Italiana). L'Associazione raccolse consensi e credibilità, riuscendo a delineare, sempre più, il suo ruolo preciso nella società italiana. I difficili giorni del 1971 preparano la strada spianata che, ancora oggi, la categoria nelle sue diverse espressioni, va percorrendo. L'Associazione nasce e cresce, raccogliendo consensi in Italia – e non solo -, visto che amplierà gli orizzonti federandosi con organismi internazionali che si occupano di colf e di assistenza domiciliare. Internazionalità questa, che ancora oggi l'Api-Colf conserva per lo scambio di opinioni, di programmi e di interventi presso organismi preposti (Comunità Europea, Organismi non governanti). Demandiamo alla cronistoria ciò che può interessare a coloro che operano nel sociale dentro e fuori dell'Associazione, perchè non manchiamo di dare uno sguardo alla nostra storia – sarebbe miopia non farlo! - dato il ruolo significativo che ha avuto per la famiglia e per la società.
news tit
FLASHNEWS - GIUGNO 2017
NEWSLETTER Lo Studio pubblica le «newsletter», che illustrano le principali novit&a ...
fine news
NEWSLETTER - APRILE 2017
NEWSLETTER Lo Studio pubblica le «newsletter», che illustrano le principali novit&agra ...
fine news
le cooperative di api-colf

COOP F.A.I.


COOP F.A.I. SARDA